sabato 16 novembre 2013

Ricorda per sempre il 17 novembre!

Bene, il countdown è terminato.

Mi hanno chiesto in molti, negli ultimi 5 giorni, cosa sarebbe accaduto oggi.
Qualcuno ha ipotizzato (assurdamente) che mi sarei laureato di domenica. Qualcun altro ha azzardato che avrei rivelato al mondo di essere calvo e di portare un parrucchino. 

C'è da dire che nessuno ha pensato - come sempre - alla cosa più elementare.
Sono un fumettista. Magari avrei cominciato a pubblicare un fumetto sul mio blog?

Perchè di questo si tratta. 
Parte da oggi, 17 novembre 2013, una nuova avventura fumettistica, che potrete seguire, ogni 17 del mese, su questo stesso blog.
Rispondo preventivamente alle vostre domande.

Quindi sarà un fumetto mensile? 
Sì, esattamente. Un capitolo al mese.

Di cosa parlerà? 
Si tratta di una parodia. Non ufficiale, che qui non è che abbiamo conoscenze a chissà quali livelli, ma una parodia nata non tanto per omaggiare un personaggio o una saga, ma per fare un po' di sana critica sociale.

Parodia di cosa?
Di un celeberrimo fumetto, il cui simbolo principale è ormai divenuto mainstream: 'V for Vendetta' di Alan Moore e David Lloyd (che colgo l'occasione per salutare! Ciao Davidllòyd!). 

Ma come t'è venuta un'idea tanto idiota? Ti sembra un fumetto da paraculare?! 
L'idea è nata in me esattamente due anni fa, quando lo lessi per la prima volta e ne studiai la genesi. Moore aveva pensato a V e alla sua Inghilterra futuristica e distopica a causa della situazione politica dell'epoca, in pieno tatcherismo. Partendo dalla situazione preoccupante che avvertivano attorno a sè, Moore e Lloyd (ciao!) esasperarono tutti gli aspetti negativi della politica repressiva della Lady di Ferro e immaginarono un futuro in cui la Gran Bretagna, dopo una guerra che aveva distrutto l'Europa, era scivolata in un regime dittatoriale con forti tratti orwelliani. Il controllo maniacale, l'illusione della liberà, il crollo di ogni valore, un popolo anestetizzato, il disprezzo per la diversità e la repressione violenta di ogni forma di ribellione, soppressa in nome di un ordine superiore che non doveva mai vacillare.
Poi sappiamo come sono andate le cose. L'Inghilterra s'è ripresa.
Ma in quel baratro ci siamo scivolati noi. E neppure ce ne rendiamo conto!

Ma sei cretino? 
Sì.

E quindi? 
E quindi ho immaginato un V tutto italiano, calato in un'Italia che non è per nulla distopica, anzi. Come vedrete, capitolo dopo capitolo, ho solo creato personaggi nuovi nella forma ma già esistenti nella sostanza, seppur rivisitata in chiave parodistica.
Un difensore di quei valori che qui, nel 2013, tutti abbiamo ormai dimenticato, anche i più volenterosi di ricordare e correggere. Tutto quello che sappiamo fare sono insurrezioni a colpi di post di Facebook.
Lui invece ci prova. Ha tanti libri, ha visto tanti film, ascolta buona musica, cita Dante...
Ma riuscirà davvero a invertire l'andazzo?
Il titolo è emblematico: 'V for Venduto'.
Quanti ne abbiamo visti negli ultimi vent'anni? Paladini della giustizia che poi sono rimasti intrappolati nelle maglie del sistema che millantavano di voler disgregare? Don Chisciotte che non hanno fatto altro che confermare, col tempo, che ogni italiano ha un prezzo, anche il più valoroso!

Ma quindi ci dici già come finirà? 
Affatto. Il titolo non preannuncia alcun finale, illustra solo lo spirito dell'opera.
Certo, per Vì non sarà facile riuscire a combattere in questo letamaio sociale. Altro che Leader, Occhio, Dito, Orecchio e Fato!
Qui la cosa è tragica davvero! Mattino Cinque gli fa un baffo alla Voce del Fato! Mica interveniva Belpietro, lì! Tsk!

C'è altro? 
Beh, sì. Oltre al capitolo, dedicherò, in un giorno non preciso del mese, un approfondimento su uno dei personaggi, con qualche parola e curiosità. Perchè mi son fatto un mazzo non indifferente a cercare di legare il tutto e a sintetizzare vizi e malanni di questo Paese in una serie di figure di carta! E c'è tanto da dire su ognuno di loro.

Quando vedremo online il primo capitolo? 
L'appuntamento è per il 17 novembre 2013 alle 17:00 qui su Carfax.

Insomma, vi leggerete un fumetto aggratis. Mica poco!
Li avessi avuti io, ai miei tempi! Invece dovevo sgobbare nelle miniere per potermi comprare un Topolino!
Ci sono morto, in una di quelle miniere.
Mi sarebbe piaciuto poter essere qui con voi ad assistere a questo evento.
Ma sono certo che, da qualche parte lassù, mi starò guardando e sorriderò.

Questo lo dedico a me, Sal.
Ce l'abbiamo fatta!


2 commenti: