giovedì 12 luglio 2012

Mister Villain: THE END

Questo è un post che non scrivo gioiosamente e che speravo di non pubblicare così presto.
Ma, ahimè, le circostanze mi costringono a farlo.

Due anni fa, nel gennaio 2010, veniva dato alle stampe il primo numero della mia saga a fumetti, Mister Villain, che inaugurava le avventure dell'omonimo personaggio di mia creazione, un cyber-criminale dall'animo nero che aspirava al successo nel mondo della malavita in calzamaglia, pubblicata da ARPANet edizioni.
La partenza non è stata delle migliori. Un prezzo esorbitante per un numero pilota di appena 48 pagine. Nel momento in cui mi fu recapitata la mia copia saggio e lessi quella cifra, capii che avevo condannato il mio personaggio all'insuccesso. Avevo 22 anni e nemmeno tutta questa esperienza nel campo editoriale...

Da quel giorno le cose sono andate non proprio a gonfie vele. Il secondo volume, pubblicato quattro mesi dopo, venne dato alla luce con la copertina graficamente alterata e due tavole in meno. Il prezzo fu ridotto su mia richiesta e il volume venne ristampato e ridistribuito dopo che feci notare l'errore delle due tavole. Ridistribuito. Così credevo, almeno.

Il terzo volume, consegnato a novembre dello stesso anno, non vide le stampe che dopo cinque mesi dalla consegna delle tavole e diversi solleciti da parte mia. Ovviamente questo ritardo segnò un crollo delle vendite (già esigue...), che si dimezzarono addirittura. Peculiarità di questo volume: nessun numero che indicasse che fosse il terzo della saga. Una piccola cosa, ma di cui tutti si accorgevano.

A dicembre dello scorso anno, testardamente e speranzosamente, diedi alle stampe il quarto volume. Ma la situazione è rimasta inalterata, le vendite misere.

Mister Villain è stato, in questi due anni e mezzo, un impegno totalizzante per me. Realizzare un volume richiedeva quattro o cinque mesi di lavoro costante e quotidiano. Per pubblicare il terzo volume ho posticipato la mia seduta di tesi di una sessione, nell'illusione di mantenere una cadenza costante tra un albo e l'altro. Ovviamente, non ero l'unica variabile umana da considerare.
Un vero e proprio lavoro, insomma, che però non mi pesava affatto perchè fatto con passione. La gente che leggeva le storie vi si appassionava e ogni presentazione vedeva un pubblico sempre più partecipe e informato.
E poi pagina facebook, anteprime, articoli di giornale, video, segnalazioni a testate di settore, proposte (raramente accolte...)... tutto pensato per far decollare qualcosa che sembrava avere un ottimo potenziale. 

Invece la saga è scivolata nel pantano. 
Le vendite sono ai minimi storici e reperire un albo, per chi non è avvezzo agli acquisti online, è quasi impossibile. E io non posso più investire tempo in un progetto fallimentare.

Mister Villain è stato la mia vita in questi due anni e mezzo. Qualunque cosa vedevo, sentivo, captavo diventava materiale per nuove storie, nuovi personaggi, nuove gag. Distaccarmi da lui non è stato facile per niente, ci ho impiegato mesi. Ora mi sento orfano e cerco inutilmente nuove idee per progettare qualcosa di nuovo, che possa farmi appassionare ancora ad un lavoro (che, di fatto, lavoro non è) che fino a un anno fa era tutto quanto desideravo e che ora vedo, invece, sempre più distante e vago.

Così, annuncio la sospensione della saga. Non ci sarà un quinto volume.

Rigrazio tutti gli amici che mi hanno concretamente supportato in questi due anni, andandoci anche a rimettere capitali, in particolare l'associazione Officine Ludike di Matera e l'ex-fumetteria Ultima di Molfetta.

Mister Villain si ferma qui.

Sal

1 commento: